Dicono di noi

In questa pagina raccogliamo pensieri, considerazioni e commenti sul nostro allevamento


Giovedì 03 Luglio 2014 da Maurizio e Carolina

Era da un po' di tempo che Carolina e io girovagavamo nel web alla ricerca di un gatto di razza Ragdoll, quando ci siamo imbattuti nel sito di Arianna, che dire dalle foto dei suoi mici amore a prima vista.
Abbiamo contattato Arianna nella speranza di poter ricevere quello che oggi è il re indiscusso di casa e il micio che regala affetto e serenità a mia madre.
León, il nome del micio, è rimasto quello dato da Arianna, è uno spettacolo dolce affettuoso equilibrato e quanto di meglio come caratteristiche Arianna gli abbia trasmesso con la sua professionalità e il suo Amore.
Non posso dimenticare tutti i preziosi consigli ricevuti da Arianna e le numerose telefonate alle quali mi ha sempre risposto con estrema gentilezza e cortesia.
Che dire, un grazie di cuore a Arianna e alla sua famiglia per averci donato León, perchè di questo si tratta, di un dono !!!

Maurizio e Carolina Bedin


Mercoledì 02 Luglio 2014 da Serena e Matteo

Volevamo porgere un particolare ringraziamento ad Arianna, Cesare e ai loro meravigliosi bambini per averci accolto in casa loro con umiltà e semplicità ed aver "toccato" con mano l'amore che nutrono verso i loro pelosetti.
Grazie per come amate queste meravigliose creature, sono anche loro parte integrante della vostra famiglia.

Serena e Matteo


Domenica 08 Giugno 2014 da Isabella Scala

Poco più di un anno fa sono andata a vivere da sola, e pensavo che niente mi sarebbe mancato nella mia nuova abitazione,
ma con il passare del tempo mi resi conto che un amico peloso era per me essenziale.
Mi informai per cercare la razza più adatta a me ed al mio carattere e scoprii i Ragdoll.
Quando dicevano che erano coccoloni e che con il tempo si sarebbe instaurato un rapporto simbiotico...ci credevo si,
ma ero sempre un pochino scettica perché in base alle mie esperienze ho avuto sempre gatti affettuosi si, ma...normali!
Che ti graffiano se li vuoi prendere in braccio o che non rispondono mai se li chiami...insomma, gatti!
L'allevamento Joyfuldream Cattery mi ha aperto un mondo, ci sono capitata per caso cercando su internet e subito dalla prima telefonata
per avere informazioni, non solo hanno soddisfatto ogni mia curiosità, ma mi hanno fatto capire quanta cura e amore c'è dietro al loro
lavoro.
Così ho voluto attendere finché fosse disponibile la prima cucciolata e, come promesso, sono stata ricontattata qualche mese dopo:
Naìke era in dolce attesa!
La signora Arianna mi ha accolto nella sua casa quando ancora i cuccioli non erano nati, per farmi toccare con mano cosa avrei provato
e vissuto il giorno in cui sarebbe arrivato a casa mia un cucciolo e, devo dire che, mi sono innamorata di tutto, dell'ambiente,
della sua famiglia e del calore che sprigionava la sua casa con questi mici incredibili che sembravano delle nuvole!
Ho aspettato con ansia la nascita dei cuccioli tra i quali c'era la mia dolce Anaìs, ora già da 6 mesi a casa con me, che mi riempie la vita.
Joyfuldream Cattery è un allevamento speciale, dove l'amore per i suoi animaletti è al primo posto, a cui sicuramente devo tutta la mia
gratitudine per avermi permesso di prendermi cura di Anaìs.
Grazie.

Isabella


Mercoledì 002 Dicembre 2015 da Lorenzo Sillitti

Ciao Arianna.
Ho guardato tante tue foto, hai una famiglia bellissima e tanti gatti meravigliosi.
Non conoscevo il ragdoll, pur avendo sempre amato i gatti (sempre e soltanto randagi e trovatelli), Gabriella ancor più di me ha sempre avuto gatti per casa.
Il primo lo ebbe in regalo dal nonno ed a questo ne sono seguiti parecchi, il suo amore era però un gattone simile ad un persiano, preso presso al Gattile.
Era il più piccolo e spaesato di un gruppo di cuccioli, i fratellini lo facevano mangiare sempre per ultimo essendo più grossi di lui.
Questo gattino era sempre in un angolo del box dove la mamma li allattava e sembrava (così mi racconta Gabriella) un pò spaesato, dolcissimo e con degli zamponi grossi.
Questo gatto a fatto da papà (il padre di Gabriella è scomparso molto giovane) o da mamma a mia moglie, ha spessissimo dormito nel suo letto e quando la sera era sul divano non si muoveva dalle sue gambe.
Il Bumbo (chiamato così perché era per lei un Bimbo di pelo... appunto un Bumbo) è scomparso a 17 anni nel mese di maggio.
Il ragdoll è un gatto che non conoscevamo se non di nome e il nostro è talmente dolce che, personalmente, non riesco a sgridarlo neppure quando non ci fa dormire.
E' comunque bravissimo e dorme tra i nostri due cuscini, se Gabri si alza per andare in bagno la segue e torna a letto, se io mi alzo per mancanza di sonno segue anche me
e mi resta vicino mentre, magari alle tre di notte, guardo qualche vecchio film alla televisione o rai tg24.
Quando torno a letto torna anche lui.
E' come se fosse contento di trovarci tutti e due nello stesso letto e pare che questo lo tranquillizzi, ed è talmente dolce che, quando ti guarda con quello sguardo
limpido ed innocente, vien spontaneo pensare che i gatti abbiano una sensibilità ed una dolcezza che l'uomo ha in parte smarrito.
Tutto ciò che ho trovato in mia moglie Gabriella, che pur facendo fatica a camminare, ha per me la leggerezza di una ballerina (a lei piace tanto il balletto classico),
la dolcezza della più buona delle mamme (non abbiamo potuto aver figli), una sensibilità grande che la fa amare dai ragazzi che segue a scuola (lei è professoressa di lettere,
ma le piace soltanto fare l'insegnante di sostegno per i ragazzi con difficoltà di varia natura) ed una purezza negli occhi che ho trovato soltanto nel nostro Batouff.

Oggi volevo dar testimonianza, non tanto delle qualità umane di Gabriella, ma della gentilezza, della dolcezza e della tenerezza di queste creature forse di un mondo lontano.
Inoltre in questi ultimi mesi ho conosciuto diverse allevatrici di questi gatti e in loro ho trovato una sensibilità che va oltre al puro aspetto legato all'allevamento ed alla vendita.
Tutte mamme gentili, orgogliose dei lori gattini.
Ho visto commuoversi chi mi ha venduto Batouff e salutarlo con una dolcezza che mi porta, quando posso, a mandarle notizie del nostro micio e qualche foto.
Scusa le troppe chiacchiere e spero di non esser stato prolisso.

Lorenzo


Mercoledì 10 Febbraio 2016 da Silvia e Mauro

Cosa significa vivere con un Ragdoll?
Sicuramente la convivenza non è come quella con altre razze di gatti, noi ci eravamo informati, ma “vivere” con un Ragdoll è diverso.
I Ragdoll sono veramente presenti e partecipi a tutte le cose che si fanno in casa, vogliono essere coinvolti, amano il contatto e le coccole e le ricercano sempre.
Amano giocare, sono vivaci e simpatici e coinvolgono le persone nelle loro attività e, poi, sono splendidi con le persone, con i bambini in particolare,
si fanno accarezzare, prendere in braccio senza infastidirsi o scappare via.
Sono anche molto intelligenti e intuitivi, capiscono, imparano e si adattano perfettamente a tutte le diverse situazioni di vita.
Con loro il rapporto è molto speciale, fatto di complicità e affetto, ma anche di attenzione reciproca, ti entrano nel cuore e sanno farsi voler bene.
Noi non avremmo mi immaginato di scoprire tutto questo un paio di mesi fa quando abbiamo conosciuto il nostro micio e quando lui è entrato a far parte della nostra vita.
All’allevamento amatoriale Joyfuldream di Arianna Polidori siamo giunti tramite passa parola dopo una ricerca in internet,
cercavamo un gatto che fosse una presenza affettuosa nella nostra vita, desideravamo un micio che avesse le caratteristiche del Ragdoll,
ma non avevamo mai avuto esperienze dirette con allevamenti e situazioni di questo tipo.
Al nostro primo incontro, Arianna ci ha presentato il micio e ci ha ascoltato e, da quando Pax (originariamente Vertigo) è venuto a vivere con noi,
Arianna ci ha accompagnato sempre in tutte le fasi: arrivo, adattamento, gioco, organizzazione degli spazi e delle diverse situazioni.
Arianna ci consiglia ancora adesso, ogni volta che noi ne abbiamo bisogno.
Ringraziamo quindi di cuore Arianna che ci ha permesso di entrare a contatto con una realtà così nuova e bella e perché ci accompagna con cura e attenzione.
Per chi adotta un Ragdoll, specialmente se proviene dall’allevamento di Arianna, è bello sentirsi parte di una famiglia più grande.

Silvia e Mauro


Indietro